Bonus condizionatori 2016: come risparmiare sull’acquisto di un climatizzatore?

condizionatori-5

Bonus condizionatori 2016: come risparmiare sull’acquisto di un climatizzatore?

Anche quest’anno ci sono molte agevolazioni per chi sceglie di acquistare un condizionatore. Se avete appena acquistato un climatizzatore vi interesserà sapere come usufruire del Bonus condizionatori 2016.

Cos’è il Bonus condizionatori 2016?
E’ un’agevolazione fiscale che spetta a tutti coloro che hanno acquistato un condizionatore ed è fruibile sia nel caso di ristrutturazione edilizia sia in mancanza della stessa.
Tuttavia, affinché un cittadino possa detrarre (in 10 quote annuali) il costo del condizionatore dalla dichiarazione dei redditi è necessario che l’acquisto sia documentato e che sia stato pagato seguendo alcune particolari indicazioni:
• deve essere documentato;
• deve essere fatto tramite bonifico bancario o postale;
• nel bollettino deve essere indicata la causale relativa ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati;
• nel bonifico venga indicato il codice fiscale del beneficiario e la Partita IVA (o codice fiscale) del negozio o del rivenditore.
• inoltre, sono accettati i pagamenti fatti tramite carte di credito o carte di debito.
Ricordate di conservare tutte le ricevute dei pagamenti e le fatture d’acquisto del condizionatore, in quanto valgono come documentazione fiscale.

Bonus condizionatori 2016: qual è il suo valore?
Il valore del Bonus condizionatori 2016 dipende dal tipo di climatizzatore e dal tipo di intervento. Infatti, ci sono quattro tipologie di bonus:
• bonus condizionatori con ristrutturazione edile;
• bonus climatizzatori risparmio energetico;
• detraibilità condizionatori con bonus mobili;
• bonus condizionatori senza ristrutturazione.

1) Bonus condizionatori con ristrutturazione edile
Quando un condizionatore viene acquistato in seguito ad una ristrutturazione dell’abitazione, il prezzo del climatizzatore può essere detratto del 50% dalla dichiarazione dei redditi, purché sia a risparmio energetico.

2) Bonus condizionatori 2016 risparmio energetico
Al cittadino che ha effettuato una sostituzione di un impianto di riscaldamento di un’abitazione (o di un altro locale commerciale) con un condizionatore a risparmio energetico, spetta una detrazione IRPEF IRES pari al 65% dei costi sostenuti, con un tetto di spesa pari a 46.154 euro.
Per fruire del bonus in questo caso è fondamentale che l’impianto di riscaldamento fosse preesistente e sia stato sostituito con un nuovo impianto a pompa di calore ad alta efficienza energetica.

3) Detraibilità condizionatori con Bonus mobili
Quando si realizza una ristrutturazione edilizia straordinaria e nel frattempo si acquistano mobili e elettrodomestici A+ (in cui sono compresi anche i condizionatori), potrete usufruire del Bonus mobili 2016, con cui potrete detrarre il 50% dei costi sostenuti dalla dichiarazione dei redditi.

4) Bonus condizionatori senza ristrutturazione
Se non avete effettuato lavori di ristrutturazione ma avete appena acquistato un condizionatore con pompa di calore, potrete comunque fruire di un’agevolazione fiscale. Infatti, quest’intervento rientra nei lavori detraibili al 50% su 10 anni.

Per info – Tel. 0721 895989