Building automation: che cos’è?

830840_45242800

Building automation: che cos’è?

Come abbiamo spiegato nei precedenti articoli la domotica (home automation) è un ampio mondo che comprende tutte le tecnologie volte al miglioramento della qualità della vita all’interno degli ambienti domestici, coniugando elettronica e informatica. Oggi, però, si parla sempre più di automazione degli edifici (building automation).

Poichè in un edificio è necessario fornire molteplici servizi collettivi come la distribuzione dell’acqua, del gas, dell’energia elettrica, il segnale televisivo/satellitare e il riscaldamento, l’applicazione della building automation è fondamentale poiché è in grado di integrare mondi diversi e gestire ogni tipo di impianto: dalla gestione dei carichi all’illuminazione, dal condizionamento alla sicurezza, dalla videosorveglianza al controllo accessi fino al risparmio energetico.

La progettazione di impianti tecnologici di building automation e applicazioni di automazione si basa su un approccio di tipo multidisciplinare sin dal principio: la progettazione architettonica, strutturale e impiantistica devono coordinarsi e procedere di pari passo nel corso dello sviluppo del sistema edificio, così che ogni soluzione adottata possa essere in grado di dialogare con le altre per una gestione integrata, favorendo il controllo di ogni tipo di tecnologia presente.

La differenza sta nella dimensione dell’ambito applicativo: la domotica riguarda tipicamente l’ambiente domestico e la possibilità di gestire le “macchine” dell’ambiente casa (per es. elettrodomestici), mentre la building automation prende in considerazione l’intero edificio (un condominio, un palazzo di uffici o l’edificio di una fabbrica) con le tecnologie che permettono di gestire anche gli impianti tecnologici, le reti di comunicazione e le reti informatiche che si interfacciano con le reti pubbliche.