Troppi comportamenti errati delle famiglie europee e sprechi sulle bollette

livello

Troppi comportamenti errati delle famiglie europee e sprechi sulle bollette

Le famiglie europee stanno sprecando 2,4 miliardi di euro l’anno, con enormi sprechi. Tutto ciò corrisponde a un impatto ambientale di 3,3 milioni di tonnellate di CO2 emesse nell’atmosfera.

L’efficienza energetica comportamentale si basa su una semplice idea: fornendo ai propri clienti una migliore informazione sull’ utilizzo dell’energia, insieme a consigli di efficienza personalizzati. Vengono motivati i consumatori ad utilizzare meno energia, adottando decisioni più intelligenti sulle modalità di consumo e ottenendo risparmi energetici a lungo temine. Il dispendio menzionato sopra rappresenta, dunque, un mancato riconoscimento del potenziale dell’efficienza energetica comportamentale nel portare in tempi rapidi un cambiamento nel consumo energetico delle famiglie.

Secondo lo studio “Liberare il potenziale di efficienza energetica comportamentale in Europa”, su 26 Paesi europei, l’Italia è al quarto posto in quanto a potenziale di risparmio.  L’adozione delle misure di efficienza energetica produrrebbe un risparmio economico di oltre 250 milioni di euro per i consumatori italiani, con una riduzione dei consumi di 400.000 tonnellate di CO2 in meno emesse in atmosfera.

I programmi comportamentali rappresentano una reale opportunità per avvicinarsi agli obiettivi di efficienza energetica stabiliti dall’Unione Europea, riducendo le emissioni di gas serra in modo economicamente sostenibile e rendendo l’energia più conveniente per i consumatori.

L’Italia ha un grande potenziale di risparmio energetico che può portare sia alle aziende, sia ai consumatori, grandi vantaggi di tipo economico e ambientale semplicemente puntando sul ruolo che i singoli consumatori e le imprese possono svolgere attraverso il cambiamento comportamentale e la divulgazione di corrette informazioni.